Apparecchi rimovibili

Sotto questa classificazione presentiamo alcuni apparecchi consapevoli che vi sono un numero infinito di possibilità costruttive sia per quanto riguarda le tecniche, la rifinitura delle parti in resina, i mezzi di ritenzione, i vari e molteplici componenti attivi.
Siamo comunque a vostra completa disposizione per ogni eventuale delucidazione tecnica e per ascoltare e realizzare qualsiasi vostra richiesta.

Placca inferiore con ganci di Adams, vite di espansione ed arco vestibolare

Apparecchi idonei, in questa versione, a realizzare espansione trasversale.
Possono essere dotati di molle, griglie, uncini per trazioni di I, II e III classe, schermi labiali, alette o rialzi in resina e quant'altro si possa utilizzare quale ausiliare per svolgere predeterminate funzioni.

Attivatore di retrazione con vite di espansione tridirezionale (Bertoni), rialzi occlusali bilaterali ed arco di terza classe.

Apparecchio idoneo al trattamento delle terze classi miofunzionali.
Può sviluppare forze in direzione sagittale, trasversale e grazie al particolare arco vestibolare retroinclinare il gruppo frontale inferiore. Nel caso sia munito di altri specifici ausiliari, potrà ovviamente svolgere altri particolari compiti. Viene spesso usato, aggiungendovi molle o viti telescopiche retroincisive, per recuperare la normocclusione del gruppo frontale nei casi di morso inverso anteriore

Placca con vite di espansione trasversale e viti distalizzanti a carico del 16-26, ganci di Adams 14-16/24-26

Apparecchio idoneo a sviluppare forze sul piano trasversale e contemporaneamente a distalizzare i molari superiori.

Placca secondo Cetlin (placca stabilizzata dotata di molle distalizzanti per il 16 e 26, bande con doppio tubo e carico del 16-26 ed arco extraorale)

Apparecchio idoneo a realizzare la distalizzazione dei due primi molari.
Può essere munitodi vite trasversale, mollette per singoli elementi dentali ed a richiesta di tutti gli eventuali ausiliari che il medico ritenga più opportuno. Presenta il vantaggio di poter realizzare continuamente la trazione a carico dei primi molari.
Il paziente porta di giorno la placca con molle distalizzanti e di notte la trazione extraorale.

Attivatore con vite di espansione trasversale ed alette totali in resina (anteriore e posterolaterali)

Apparecchio idoneo a realizzare espansione trasversale a carico dell'arcata superiore ed inferiore.
Può realizzare inoltre, grazie allo specifico morso di costruzione, un movimento anteriorizzante delcorpo mandibolare.
Le caratteristiche della progettazione e della conseguente costruzione permettono, gestendo al meglio le alette in resina o gli eventuali rialzi occlusali, di apportare modifiche a caricodegli assi di eruzione dentale o concorere a determinare una diversa dimensione verticale del paziente.

Particolare delle viti telescopiche

Viti che permettono lo spostamento dei dei singoli elementi dentali sfruttando, grazie alla particolare costruzione, lo sviluppo di attivazione meccanica mediata dalla componente elastica.

Ganci di Adams a carico del 14-24 e ganci ad aletta al 15-16/25-26

Apparecchio idoneo a sviluppare una serie di movimenti funzionali e meccanici.
Viene usato nei casi di II classe I divisione con predominante retroposizione mandibolare.
Come tutte le apparecchiature idonee a modificare la posizione spaziale del corpo mandibolare, necessita per la costruzione di una cera rilevata in occlusione abituale ed una rilevata in posizione terapeutica corretta (morso di costruzione).


Placca secondo Bassani

Apparecchio idoneo alla correzione delle II classi II divisione. Può realizzare espansione, sviluppare forze in senso sagittale, favorire lo scivolamento mesiale del corpo mandibolare, modificare le inclinazioni dentali ed intrudere od estrudere particolari settori dentali.

Placca di Korn

Apparecchioausiliario della terapia ortodontica fissa.
Permette di realizzare, grazie al bite anteriore, la disclusione delle arcate dentali favorendo il livellamento dentale e riducendo al minimo i problemi causati dai continui precontatti che si vengono a creare nel divenire terapeutico.
L'ancoraggio é realizzato tramite i ganci di Dominique.

Placca di Caroll

Apparecchio idoneo a sviluppare movimenti trasversali e sagittali.
La caratteristica principale di questo tipo di placca é data dai componenti attivi che sono delle molle particolari.
I vantaggi rispetto alle normali placche con attivazione meccanica a vite, sono da ricercare nello sviluppo continuo ed elasticodelle forze e nella possibilità di costruire placche ortodontiche che occupano un ridotto spazio all'interno del cavo orale. Questo permette di ridurre al minimo i problemi di aumento della dimensione verticale causati dall'abbassamento della postura linguale che si ha durante la terapia a placca.

A.D.A. Attivatore Distalizzante Asimmetrico

Attivatore idoneo a sviluppare forze distalizzanti monolaterali.
La particolare costruzione e la notevole potenza sviluppata dall'attivatore permettono di realizzare spostamenti distali dei primi e secondi molari di oltre 4-5 mm.
Se l'attivatore é perfettamente scaricato, si realizza (per mezzo delle fibre transeptali) anche lo spostamento distale del primo e secondo premolare.

Placca con vite a ventaglio (Pagani) e griglia

Apparecchio idoneo a sviluppare forze espansive maggiori nella zona anteriore e via via decrescenti verso il settore posteriore. Nella placca fotografata é stata modellata anche una griglia onde poter intercettare eventuali vizi funzionali di sussione o deglutizione con interposizione linguale.


© Copyright 2000, Firenze Ortodonzia S.n.c. - In collaborazione con Antitesi - web design a cura di NeroScuro